Informazioni sull'Alternanza Scuola-Lavoro

Scritto da Tessitore Giovanni Battista . Inserito in ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Il curricolo in Alternanza scuola lavoro progetta una serie di attività improntate prioritariamente alla finalità educativa, ispirata alla scoperta di sé, allo sviluppo di capacità relazionali e alla promozione delle attitudini per aree di interesse, per favorire la maturazione della partecipazione attiva alla cittadinanza e la scelta postdiploma. Si coniuga all’esperienza di trasferimento dei saperi, appresi a scuola, in competenze esercitate attraverso le opportunità fornite in vari ambiti professionali del territorio, così da interagire con le sue risorse e vivere più consapevolmente la crescita della propria identità.

Il nostro liceo, in ottemperanza alla legge n. 107 del 13 luglio 2015, e sulla base di una tradizione già consolidata, ha deciso di coinvolgere inizialmente nel percorso di ASL tutte le classi terze e quarte e di estenderlo ad alcune quinte o per iniziativa degli insegnanti tutor o degli studenti stessi, qualora emergano esigenze didattiche o professionali da parte di aziende del territorio, naturalmente fino al momento in cui la struttura dei tirocini andrà interamente a regime e tutte le classi seguiranno il programma nella misura predisposta.

Per le classi quinte, in generale, il percorso di Alternanza si trasforma in un percorso personalizzato di Orientamento universitario sulla base delle offerte provenienti da UniFI e dalle altre scuole della Regione, anche indirizzate alle eccellenze, come ad esempio la “Scuola Sant'Anna” di Pisa.

Dal 2007 nel Liceo da Vinci si svolgono attività di Alternanza scuola lavoro coordinate dal tutor scolastico, prof Anna Maria Bracciante, ma, mentre nel primi anni gli studenti erano un numero limitato e l'adesione era facoltativa, nel 2014/15 le classi coinvolte nella loro interezza sono state 17 e il team dei collaboratori è necessariamente salito ed è destinato a crescere ancora per l’applicazione della legge.

Nelle classi terze, da cui il curricolo deve prendere le mosse, le ore impiegate saranno più numerose, considerando il primo approccio, la presentazione alle classi e ai genitori, i colloqui di orientamento e le scelte iniziali, i tirocini invernale ed estivo e i feedback indispensabili, per un totale di 70-90 ore; nelle quarte alcuni passaggi possono essere ridotti, gli studenti sono più consapevoli e più esigenti rispetto alle loro scelte future e il monte ore scende a 60-80 ; nelle quinte, come si è detto precedentemente, il curricolo si adegua alle proposte di orientamento in uscita, salvo casi straordinari.

Per quanto riguarda il Comitato Scientifico, siamo in contatto con i responsabili del settore Educazione di Confindustria, ma il Comitato Scientifico è ancora in via di strutturazione.

Tenuto conto della mission del Liceo da Vinci, che è quella di offrire una formazione scientifica competitiva, senza dimenticare la cultura umanistica, i nostri studenti sono accolti dalle realtà produttive e occupazionali più importanti del territorio: Dipartimenti di Scuole universitarie (vedi Valore DU e University Lab), Sistema delle Biblioteche Universitarie fiorentine, Polo Museale di Firenze, Soprintendenza Archeologica della Toscana, Teatro della Pergola e di Rifredi, Regione Toscana, Ospedale Meyer e di Careggi, Aziende nei settori chimico, informatico, elettronico e meccanico, Associazioni di volontariato, Associazioni di promozione sociale. Partecipano USR, enti pubblici, Unicameralismo di Commercio della Toscana.

Analizzando i bisogni del Liceo e forti della nostra individualità, abbiamo pensato di attivare diverse imprese simulate.

Nel triennio 2007-2010 è stato svolto poi un corso di formazione sulle competenze necessarie ai tutor d'Istituto per l'Alternanza scuola lavoro, durante il quale è stata formata anche la prof. Anna Maria Bracciante del Liceo sc. Leonardo da Vinci. Dal 2010 la tutor di Istituto effettua un itinerario formativo interno per i colleghi; negli anni 2013-2015 è stato poi realizzato un corso avanzato, in rete con altre scuole, finanziato dalla Provincia di Firenze a cui hanno partecipato dieci docenti del Liceo.

La Prof.ssa Bracciante, dal 2007 tutor di Istituto, si occupa dei rapporti con Aziende ed Enti pubblici, dell'organizzazione delle attività d'aula per la preparazione e il monitoraggio dei tirocinanti, dei colloqui di orientamento. Il tutor d'aula, compatibilmente con i tempi necessari alla realizzazione del percorso formativo necessario, sarà un insegnante formato, facente parte del Consiglio di classe e che pertanto avrà la possibilità di interagire con il coordinatore del Consiglio di classe e con gli insegnanti le cui materie sono state coinvolte nei tirocini e di informare il Consiglio stesso sui dati di tirocinio e sulle attività di rielaborazione delle esperienze.

Come norma generale durante il periodo delle lezioni si svolgerà una settimana di tirocinio, mentre il resto si svolgerà nel periodo estivo sfruttando l'arco completo di tempo che va dal 10 giugno al 10 settembre ca.

La valutazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Valutazione del tirocinio estivo

Il tirocinio estivo viene valutato a settembre, al rientro a scuola, attraverso:

  • Feedback e colloquio di verifica del tirocinio
  • Raccolta dei risultati dei tirocini con tutor scolastico per documentazione e divulgazione-MOSTRA
  • Compilazione di attestati e certificazioni
  • Monitoraggio SIDI

Criteri di valutazione

  • Tirocinio: valutazione del tutor aziendale (dentro il diario di bordo)
  • Colloqui: interesse e reattività dello studente alle sollecitazioni
  • Capacità di autovalutazione e riflessione col tutor scolastico/d’aula con miglioramenti dalla fase iniziale
  • Organizzazione delle operazioni autonome, specialmente per quanto riguarda la documentazione finale e la divulgazione
  • Disciplina e rispetto delle regole nelle varie fasi, specie durante il tirocinio

Ricaduta sulla valutazione curricolare

Il comportamento durante il tirocinio potrà influire sulla CONDOTTA nello scrutinio di giugno.

È ipotizzabile inserire il tirocinio nella VALUTAZIONE DISCIPLINARE.

Le funzioni del tutor d'aula

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Le funzioni del tutor d'aula sono:

  • Programmazione nel consiglio di classe;
  • presentazione dei percorsi di tirocinio agli studenti e ai genitori e acquisizione delle autorizzazioni e dei dati dei tirocinanti;
  • predisposizione di colloqui di orientamento con gli studenti per individuare gli interessi d'area culturale;
  • organizzazione dei calendari e raccordo con il tutor scolastico sulle scelte dei tirocinanti e pratiche burocratiche;
  • strutturazione del calendario dei sopralluoghi dei colleghi e relativa comunicazione al Tutor scolastico e alla Vice;
  • controllo del diario di bordo, temi, questionari, materiali: loro distribuzione ai docenti secondo caratteristiche disciplinari per le verifiche e le valutazioni disciplinari.

Istruzioni per la gestione del fascicolo degli studenti

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Gli studenti dovranno esclusivamente compilare in formato digitale (non si accettano compilazioni a mano) e in ogni parte il progetto formativo e ne consegneranno duplice copia al tutor d'aula almeno quindici giorni prima dell'inizio attività.
I tutor d'aula, dopo avere verificato la completezza e l'esattezza dei dati, consegneranno i patti formativi presso gli uffici preposti della segreteria per l'apposizione della firma da parte del Dirigente Scolastico.
La consegna dovrà avvenire dal Lunedì al Giovedì e almeno una settimana prima dell'inizio del tirocinio; diversamente, non verranno accettati.

Gli studenti al termine di ogni attività di A.S.L. dovranno consegnare al tutor d'aula:

✓ una copia del Patto Formativo opportunamente compilata e validata in ogni parte dal tutor aziendale (N.B.: la valutazione va riportata nel Patto Formativo; la Scheda di Valutazione del Tutor Aziendale, utilizzata in passato e reperibile cliccando qui, va utilizzata solo come guida);
✓ il Registro Presenze compilato.

 

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

TITOLO PROGETTO
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
Attuazione PtOF 2016 2017
Priorità 1 e Priorità 2
Tipologia
Progetto Pluriennale (continuazione di un progetto in corso)
DOCENTE RESPONSABILE
BRACCIANTE Annamaria
ANALISI DEI BISOGNI
Da 9 anni è in corso la metodologia curricolare di Alternanza che si rivela proficua per sanare almeno in parte i bisogni di orientamento alla scelta e le difficoltà di crescita adolescenziale negli aspetti di relazionalità, autostima, responsabilità e rispetto negli impegni, utilità sociale, oltre alle carenze linguistiche e di know how informatico nel processo di apprendimento
DESTINATARI
Alunni del triennio
FINALITà
Finalità ultima è l’attuazione della scuola per competenze, secondo le indicazioni di certificazione europea a cui guarda la mappa della Buona scuola secondo gli assi di apprendimento: matematico logico, scientifico tecnologico specie informatico, linguistico, storico e della educazione alla cittadinanza Si sottolinea che le attività prevedono l’individualizzazione dei percorsi. Orientamento e formazione della persona ai valori sociali e alla responsabilità nelle proprie attività. Raccordo fra competenze teoriche della scuola ed esperienze maturate in ambiente lavorativo. Dialogo continuativo fra scuola e territorio. Educazione sugli aspetti del lavoro. Miglioramento della consapevolezza nelle scelte postdiploma
OBIETTIVI
Si configura un possibile percorso triennale di 200 ore, curando la sperimentazione del coinvolgimento a vari livelli del Consiglio di classe: conoscenza delle procedure e dei risultati conseguiti in fieri, informazione sui programmi aziendali e il calendario di tirocinio, eventuale declinazione della programmazione disciplinare per coadiuvare l’esperienza sul territorio e la ricaduta didattica sulla classe, partecipazione alla verifica e valutazione dello studente Sono vocaboli chiave ispiratori della progettazione: dialogo fra scuola e territorio, attualizzazione dell’apprendimento, conoscenza della realtà produttiva del proprio ambiente. Le attività toccano i saperi di base, trasversali e disciplinari allo scopo di esercitare le HARD e SOFT SKILLS, innalzandone i livelli Tipologia di attività riconducibili all’Alternanza scuola lavoro: tirocinio in azienda con modalità flessibili di attuazione; docenza in Istituto di esperti aziendali anche accompagnati da laboratori; visite guidate in aziende significative e partecipazione ad eventi sul mondo del lavoro; impresa simulata I anno- terza classe, circa 80 ore: 1. conoscenze integrate e approfondite coerenti col programma dei curricoli. 2. consolidamento e recupero di conoscenze e metodo di studio 3. osservazione del sistema professionale nel luogo prescelto per il tirocinio 4. orientamento formativo delle attitudini con colloqui preparatori e valutazione degli interessi e delle attitudini individuali 5. riconoscimento dei bisogni formativi attraverso il feedback dopo il tirocinio 6. Rapporto collaborativo coi genitori e consapevolezza del percorso formativo dei figli 7. Corso sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro effettuato su piattaforma on line (4 ore) e in presenza fino a 16 ore, con attestato individuale Obbiettivi del II e III anno - classe quarta e quinta , circa 80 ore in quarta e 40 nel quinto anno, compreso l’orientamento un uscita: 1. riconoscimento dei bisogni formativi attraverso il feedback dopo il tirocinio 2. Rapporto collaborativo coi genitori e consapevolezza del percorso formativo dei figli 3. Interazione del curricolo con il progetto di tirocinio 4. Inserimento operativo degli allievi durante il tirocinio 5.Individuazione e applicazione di mezzi per la valutazione delle competenze. 6. Collegamento alle iniziative di orientamento universitario previste dal POF .
COLLABORAZIONI
Collaborazioni con aziende ed Enti dei seguenti settori: Ospedaliero e sanitario, tecnico e informatico, umanistico (artistico, storico, linguistico), volontariato, Universitario con inserimento nelle diverse Scuole di Ateneo Da quest'anno si estende il raccordo con imprese all'estero di lingua inglese dopo l'esperienza buona di stage in Romania del 2016
DURATA
triennale dalle classi terze con periodi di alternanza sia durante le lezioni che estivi
Fase 1
Per ogni classe o gruppo di studenti (20): Periodo settembre-dicembre: Presentazione per genitori, presentazione per studenti, colloquio di orientamento alle scelte , presentazione delle aziende tramite loro siti internet e risultati ottenuti da tirocinanti esperti, incontro con responsabili aziende, programmazione coi tutor professionali, calendario dei tirocini e dei corsi formativi, partecipazione a impresa simulata, visite guidate, eventi
Fase 2
Periodo gennaio - fine aprile Effettuazione dei tirocini: con varie modalità di realizzazione flessibili secondo gli accordi fra Consiglio di classe, studenti, aziende, partecipazione a impresa simulata, visite guidate, eventi
Fase 3
Maggio e settembre-ottobre Colloqui di feedback e monitoraggio dei risultati ottenuti- Valutazione dei tirocini e riorientamento. Mostra dei risultati significativi
Fase 4
Giugno-settembre. Tirocinio estivo
METODOLOGIA
Colloqui di orientamento alle scelte e counseling Attività osservativa, di affiancamento e in autonomia a partire dal primo fino ai tirocini del secondo e terzo anno per fare acquisire capacità di lavoro in team Colloqui di feedback e verifica dei risultati. Valutazione con attestati e certificazione finale delle competenze
DOCENTI INTERNI
Docenti Interni Tutor scolastici: Anna Maria Bracciante e Silvia Fossati Tutor collaboratori e tutor d'aula: Francesca Bardazzi, Anna Maria Bracciante, F. P. Brienza e Luisa Nocentini, Rosa Chiricosta, F. Cometto e Monica Camurri, Adriana Cosi, Silvia Fossati, Mauro Imbimbo, Maria Mulas, Irene Policastri, Schettini e Maurizio Sarti, E. Storti , Stefano Zani e Castellaccio,
PERSONALE A.T.A.
Effettuazione pratiche burocratiche
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
Esperti di Confindustria, Toscana Energia, Teatro, Eventuali docenze e guide in azienda di altri operatori. I tutor aziendali responsabili dei tirocini
ELENCO DEI MATERIALI NECESSARI
Fotocopie, fotocopiatrice, computer, videoproiettore, lim
ELENCO DEI SERVIZI NECESSARI
Mezzi di trasporto pubblico e aereo in caso di stage all'estero Corso sicurezza 4-16 ore Impresa formativa Students lab
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Colloqui e verifiche di feed back assunte dal Consiglio di classe; valutazione per quantità e qualità dei prodotti conseguiti tramite relazioni anche fotografiche e mutimediali in genere. Mostra dei risultati. Monitoraggio costi e attività al SIDI. Nella sezione Alternanza è aperto il link alla vetrina dei prodotti su dropbox; link a foto e video su you tube
DOCUMENTAZIONE
Documentazione informatizzata: v. link nell'area Alternanza del Sito: sono disponibili depliants e relazioni Depliant informativo sulle attività per l'Open day Opuscoli con parte teorica e risultati dell'Alternanza dal 2007 al 2016 nel Liceo da Vinci Mostra dei risultati e novità 2017 aperta dal 25 ottobre 2016
RESPONSABILE WEB
BRACCIANTE Annamaria
Link al progetto
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (pdf)