AVERE 20 ANNI OGGI

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in AVERE 20 ANNI OGGI

TITOLO PROGETTO
AVERE 20 ANNI OGGI
Linee Guida 2013 2014
• Letteraria
Tipologia
Progetto avente natura annuale
DOCENTE RESPONSABILE
ZANI STEFANO
ANALISI DEI BISOGNI
I giovani sono troppo spesso oggetto di attenzioni e disattenzioni altrettanto interessate. Aiutarli a individuare la propria collocazione reale e possibile nel mondo degli adulti in una società quantomeno distratta, per non dire sorda, ai loro bisogni di persone, di cittadini e di lavoratori, costituisce una base di consapevolezza necessaria per renderli protagonisti attivi della propria vita.
DESTINATARI
Alunni di alcune specifiche classi o sezioni (specificare nella Sezione Altro quali sono le classi coinvolte), 4C 4B
FINALITÀ
Far esprimere i ragazzi sulla propria presente e futura condizione personale, di cittadini e di lavoratori prendendo consapevolezza e parte attiva alla costruzione del proprio presente e del proprio futuro al di fuori degli stereotipi di una società che sembra non lasciare loro altri spazi che quelli della realtà virtuale e della notte.
OBIETTIVI
comporre testi personali di autoriflessione sulla condizione giovanile
discutere collettivamente sulle proprie convinzioni personali
prendere consapevolezza circa il proprio destino personale e collettivo nella nostra attuale società
individuare strategie di superamento degli ostacoli al proprio inserimento attivo nella vita e nella società
comporre testi collettivi
pubblicare i testi composti su una rivista culturale
COLLABORAZIONI
collaborazione con Testimonianze, rivista laica fondata da Ernesto Balducci
DURATA
metà settembre-fine ottobre
Fase 1
stesura estiva di impressioni personali sulla condizione giovanile oggi (periodo giugno-settembre 2013)
Fase 2
raccolta dei materiali da parte di una redazione composta da due alunni coordinati dall'insegnante (metà settembre-fine settembre)
Fase 3
presentazione dei materiali alla classe con discussione dei temi e confronto delle idee in classe
scelta di alcune tematiche essenziali individuate
eventuale elaborazione di uno o più testi collettivi o personali (fine settembre-metà ottobre)
Fase 4
stesura testi e revisione (terza settimana di ottobre)
Fase 5
stesura definitiva testi e consegna alla redazione della rivista (fine ottobre)
METODOLOGIA
brainstorming collettivo
stesura pensieri individuali
costituzione di una redazione interna a cura degli studenti
confronto dei testi
discussione
collaborazione alla stesura di testi individuali e collettivi
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
monitoraggio:vedi fasi di lavoro come sopra specificate
valutazione: valutazione dei testi scritti definitivi di tipo individuale e collettivo
DOCUMENTAZIONE
messa a disposizione dei testi che andranno in pubblicazione
RESPONSABILE WEB
ZANI STEFANO

LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA ATTRAVERSO LE RIVISTE DELL'EPOCA

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA ATTRAVERSO LE RIVISTE DELL'EPOCA

TITOLO PROGETTO
LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA ATTRAVERSO LE RIVISTE DELL'EPOCA
Linee Guida 2013 2014
• Letteraria
Tipologia
Progetto avente natura annuale
DOCENTE RESPONSABILE
ZANI STEFANO
ANALISI DEI BISOGNI
Il progetto, a cui si è rinunciato l'anno scorso a seguito delle agitazioni contro le politiche del governo, è legato alle Giornate della Memoria e promosso dal Circolo Vie Nuove. Esso è rivolto a più Licei della nostra città e si dovrebbe concludere, come lo scorso anno, con una serata di rendicontazione congiunta dei risultati delle ricerche tra i vari Licei. Esso coinvolge gli studenti nella ricerca, guidati da uno storico ricercatore, e richiede non solo di andare in biblioteca, ma di incontrare testimoni. I ragazzi, interpellati sulla opportunità di realizzarlo, si sono dimostrati assai interessati e disponibili
DESTINATARI
Alunni di alcune specifiche classi o sezioni (specificare nella Sezione Altro quali sono le classi coinvolte)
FINALITÀ
Commemorazione non improvvisata del Giorno della Memoria attraverso una ricerca attiva degli studenti
OBIETTIVI
Fare ricerca diretta sulle fonti oggettive (capacità di consultare un archivio);
Fare ricerca diretta sulle fonti oggettive (capacità di fare una intervista);
interpretare correttamente un testo o una testimonianza (capacità di lettura);
Capacità di riportare ad altri la propria esperienza (capacità di trasmissione attraverso l'individuazione di mezzi e modalità adeguate)
COLLABORAZIONI
collaborazione col Circolo Vie Nuove, con un ricercatore universitario esperto di Storia, con testimoni dei fatti di cui si tratta
DURATA
da ottobre a gennaio
Fase 1
due lezioni di due ore in classe con proiezione di Slides in Powerpoint e predisposizione della ricerca.
Fase 2
6 ore presso la Biblioteca Umanistica - Punto di servizio di Lettere e presso la Biblioteca Nazionale Centrale, dove potranno essere consultate le riviste in formato originale.
Fase 3
Interviste a ebrei o a chi li ha aiutati.
Per le interviste verrà scelto un luogo adatto a poter effettuare riprese.
Fase 4
Rendicontazione pubblica del lavoro nell'ambito della Giornata della Memoria presso il Circolo Vie Nuove
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
monitoraggio in itinere attraverso la rilevazione delle presenze, l'impegno, la partecipazione e la competenza nell'assolvimento dei compiti
valutazione finale attraverso osservazioni sistematiche sul processo interattivo e sul raggiungimento degli obiettivi di tipo quantitativo (gradimento) e qualitativo (conformità alle finalità e agli obiettivi)
DOCUMENTAZIONE
relazioni eventuali documentazioni filmate della giornata finale
RESPONSABILE WEB
ZANI STEFANO

IL RAZZISMO NELL’ IMMAGINE DELLE ALTRE CULTURE NELL'ITALIA DEL PRIMO NOVECENTO

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in IL RAZZISMO NELL’ IMMAGINE DELLE ALTRE CULTURE NELL'ITALIA DEL PRIMO NOVECENTO

TITOLO PROGETTO
IL RAZZISMO NELL’ IMMAGINE DELLE ALTRE CULTURE NELL'ITALIA DEL PRIMO NOVECENTO
Linee Guida 2013 2014
• Letteraria
Tipologia
Progetto avente natura annuale
DOCENTE RESPONSABILE
ZANI STEFANO
ANALISI DEI BISOGNI
Il progetto integra l'altro sulla Giornata della Memoria mediante lo studio delle leggi razziali attraverso le riviste e i testimoni, sempre svolto dalla 5C, che si è mostrata assai interessata ad approfondire gli aspetti specifici del razzismo italiano di tipo fascista e coloniale.
DESTINATARI
Alunni di alcune specifiche classi o sezioni (specificare nella Sezione Altro quali sono le classi coinvolte)
FINALITÀ
Comprendere la rappresentazione che l’Italia del primo ‘900, condizionata da una parte dal mito dell’italiano nuovo, dall’altra dai modelli razzisti, si faceva delle usanze e dei costumi di altri popoli, di altre etnie, dei loro modi di pensare e delle nostre relazioni con loro.promuovere il dialogo multiculturale e il contrasto ad ogni forma di razzismo e discriminazione, il corso intende promuovere attraverso l’analisi dell’immagine, una riflessione critica personale e collettiva sullo spirito razzista che ha spesso animato la nostra cultura e che ha influenzato la narrazione delle nostre relazioni con popoli di diversa cultura e di altre etnie contribuendo a determinare il clima di indifferenza con cui l’opinione pubblica predominante ha accettato le persecuzioni razziali perpetrate dal fascismo.
Il percorso si propone anche come sussidio didattico utile alla contestualizzazione degli interventi e dei momenti di approfondimento che si svolgono nelle scuole sui temi del Giorno della Memoria e di quello del Ricordo all’interno di una riflessione più ampia e sistematica, forte anche del ricorso a diversi linguaggi disciplinare e comunicativi.
OBIETTIVI
Il corso si propone di illustrare agli studenti le modalità di raffigurazione del popolo italiano, dei popoli di altra cultura e delle loro reciproche relazioni durante il ventennio sottolineando lo stereotipo dell’uomo nuovo e quello razzista; quindi di far esercitare gli studenti nell’analisi di immagini e fonti storiche e odierne per individuarne gli stereotipi razzisti.
COLLABORAZIONI
Regiona Toscana
Uno storico
Uno storico dell'arte
DURATA
ottobre-gennaio
Fase 1
Lezione dialogata.
Contenuti:L’immagine del nero: dalla bella abissina al negro violentatore.
Rappresentazioni dei popoli africani nell’Italia del Ventennio (anni ’20-’40).
Durata: 2 ore
Risultati attesi: crescita della conoscenza e della memoria storica
Fase 2
Lezione dialogata.
Arte, satira e razzismo: analisi della rappresentazione figurativa dell’altro, “del diverso”, nella grafica, in particolare nella satira in contrapposizione alle raffigurazioni celebrative del fascismo
Durata: 2 ore
Risultati attesi: crescita della conoscenza e della memoria storica
Fase 3
Laboratorio
Nel laboratorio gli studenti saranno impegnati a osservare materiali di propaganda (articoli, immagini, disegni..) e a produrre una scheda di analisi dell’immagine cogliendone il carattere razzista.
Durata: 2 ore
Risultati attesi: crescita della conoscenza e della memoria storica
METODOLOGIA
lezioni dialogate
laboratorio
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Monitoraggio in itinere di tipo quantitativo (presenze) e qualitativo (tipo di attenzione e partecipazione)
valutazione dei processi attraverso osservazioni sul processo pedagogico interattivo docenti/alunni e alunni/ alunni
valutazione finale attraverso risultati di gradimento (documentati da eventuali filmati) e obiettivi (crescita della conoscenza storica verificata attraverso relazioni e interventi scritti e orali)
DOCUMENTAZIONE
filmati
relazioni
RESPONSABILE WEB
ZANI STEFANO

Relazione interperiodo progetto Cinema e Letteratura

Scritto da Chiricosta Rosa. Inserito in CINEMA STORIA LETTERATURA

Si sta svolgendo a pieno ritmo il Corso di Cinema, una tradizione ormai consolidata del nostro Liceo, che offre aigli studenti la possibilità di prendere consapevolezza della specificità del linguaggio cinematografico, espressione sicuramente molto importante del nostro tempo, sopperendo così  ad una carenza del nostro sistema scolastico che lascia fuori dall'iter formativo degli studenti uno dei momenti più significativi della nostra cultura, rappresentato dalla decima Musa.

La partecipazione anche quest'anno è particolarmente numerosa, sono coinvolte infatti undici classi, del biennio e del triennio.

Il Corso, tenuto dal regista Luca Dal Canto, che ha al suo attivo, nonostante la giovane età, numerosi riconoscimenti per la realizzazione di cortometraggi e documentari, di grande interesse culturale, e per  la collaborazione con registi affermati, quali  Oldoini, Rubini e Luchetti, si svolge in due distinti percorsi.

Il primo , teso a rendere consapevole e strutturata la fruizione del linguaggio cinematografico e ad offrire una panoramica delle tipologie che più e meglio caratterizzano il nostro cinema, si articola in tre incontri : uno teorico, che ha come scopo la definizione e la descrizione delle strategie che attengono ai vari momenti della realizzazione di un'opera cinematografica, dalla sua ideazione alla sua attuazione, mettendo in evidenza come tale arte, pur essendo il frutto dell'intuizione e dell'ispirazione di un singolo artista, debba avvalersi anche della collaborazione di molteplici e varie competenze, che devono agire insieme armonicamente .
Gli altri due incontri sono caratterizzati dalla proiezione di due film, scelti dai docenti delle singole classi, nell'ambito di un percorso tematico strutturato dal regista, con la possibilità di interagire da parte degli studenti con domande e richieste di chiarimenti.

 

Il secondo percorso vede la partecipazione attiva a classi aperte di studenti di varie classi, del biennio e del triennio, che collaborano alla realizzazione di un cortometraggio : gli studenti si cimentano nella stesura del soggetto, della sceneggiatura e poi nelle varie fasi della progettazione e della realizzazione, collaborando fra di loro e con il regista che coordina e segue con perizia e respnsabilità le varie operazioni.

L'augurio è che, anche quest'anno, come negli anni precedenti, si giunga alla realizzazione di un cortometraggio interessante e soprattutto espressione delle competenze e della collaborazione dei nostri studenti.

Per chi fosse interessato, è possibile prendere visione dei corti realizzati negli anni passati in Biblioteca, rivolgendosi alla nostra bibliotecaria dott.ssa Lucia Guzzardi.

La Referente

Rosa Chiricosta

CINEMA STORIA LETTERATURA

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in CINEMA STORIA LETTERATURA

TITOLO PROGETTO
CINEMA STORIA LETTERATURA
Linee Guida 2013 2014
• Letteraria
Tipologia
Progetto avente natura annuale
DOCENTE RESPONSABILE
CHIRICOSTA ROSA
ANALISI DEI BISOGNI
1) Il progetto è stato inserito nella programmazione a partire dall'anno scolastico 2003/2004 ed è stato ripetuto per diversi anni.
2) Ha suscitato grande interesse sia tra gli studenti che tra i docenti che hanno partecipato alle attività relative al progetto.
DESTINATARI
Alunni di tutte le classi
FINALITÀ
Approfondire tematiche letterarie ed attuali attraverso il linguaggio cinematografico e la storia del cinema.
OBIETTIVI
1) Socializzazione (lavorare in gruppo durante le attività legate al progetto)
2) Approccio con la specificità del linguaggio cinematografico (saranno proposti questionari a fine corso per valutare il grado raggiungimento del detto obiettivo
3) Sviluppo del senso estetico e critico
COLLABORAZIONI
I corsi saranno tenuti da un esperto esterno, il regista Luca Dal Canto il cui curriculum è disponibile sul sito www.lucadalcanto.com
DURATA
dicembre 2013/aprile 2014
Fase 1
Lezione frontale teorica sul linguaggio cinematografico in ciascuna classe che aderisce al progetto.
Durata: 2 ore (per classe)
Contenuti: Linguaggio cinematogrico, Storia del cinema
Risultati attesi: consapevolezza della specificità dei suddetti linguaggi, acquisizione di elementi fondanti della specificità del codice.
Fase 2
Visione e analisi, guidata dall'esperto, di film (o sequenze) relativi alla tematica scelta da ciascuna classe.
Durata: 4 ore (per classe)
Contenuti/tematiche: "L'adolescenza nel nuovo cinema italiano. La famiglia, la scuola, gli amici e gli amori nel nuovo millennio" - "Il cinema dei sognatori" - "Il mito di Roma nel cinema. La Roma antica per Hollywood, tra leggenda e realtà" - "Oltre la Commedia all'Italiana. Il cinema d'autore nella prima metà degli anni Sessanta" - "Il Neorealismo. Una corrente tutta italiana" - "Cinema e pittura. Tra ispirazione e documentario"
Fase 3
A tutte le classi, alla fine del corso, saranno proposti dei questionari preparati dell'esperto, in collaborazione con il docente referente, da cui sia possibile valutare sia il grado di interesse e partecipazione dei singoli studenti, sia l'acquisizione di conoscenze specifiche atte a rendere più agevole la fruizione del linguaggio cinematografico e delle tematiche culturali che esprime.
La valutazione dei suddetti questionari verrà svolto dal referente e l'esperto per ciascuna classe.
Durata: 1 ora (per classe)
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Valutazione finale, schede di rilevazione dei risultati strutturate sugli indicatori relativi agli obiettivi, osservazioni sul processo pedagogico interattivo docente/alunno
DOCUMENTAZIONE
Il programma dettagliato dei singoli corsi
Eventuali dispense fornite dall'esperto
Schede di verifica
RESPONSABILE WEB
CHIRICOSTA ROSA

Corso di scrittura creativa 2016 2017

Scritto da frangini gabriella. Inserito in WRITING - CORSO DI SCRITTURA CREATIVA

Giovedì 3 novembre 2016 alle ore 15.00 inizia il quarto corso di Scrittura Creativa, dedicato quest'anno alle Voci.

Il corso è indirizzato sia a studentesse e studenti che già scrivano e/o abbiano frequentato i corsi degli scorsi anni, sia a chi non ha mai preso una penna in mano se non per fare un tema in classe, ma abbia tanti racconti in testa e curiosità di vedere che succede se prova a metterli su carta.

Il corso è guidato da Andrea Vivaldi, giovane scrittore ed ex studente del nostro liceo, il primo incontro (che si tiene in Aula video al primo piano) è aperto a tutti quelli che vogliono farsi una idea prima di iscriversi, ma avrà un massimo di 25 studenti. Per gli allievi del triennio, la frequenza ad almeno due terzi degli incontri dà adito al credito scolastico.

Per informazioni e preiscrizioni scrivere a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CALENDARIO DEL CORSO (tutti gli incontri si tengono dalle ore 15.00 alle ore 17.00)

  • 12 gennaio 2017
  • 9 dicembre 2016
  • 10 novembre 2016
  • 3 novembre 2016
  • 24 novembre 2016
  • 21 dicembre 2016
  • 26 gennaio 2017

E' inoltre previsto un ultimo incontro, in via di definizione, ma probabilmente tra gennaio e febbraio, con uno scrittore, per discutere di letteratura, di racconto, di voci ....